Da Vermicino al caso Romina Del Gaudio il confine violato tra informazione e sciacallaggio

04.02.2014 14:49

“Da Vermicino a Romina Del Gaudio: il confine violato tra informazione e sciacallaggio”: questo il tema del convegno in programma venerdì 7 febbraio alle ore 17 presso l’Hotel dei Cavalieri di piazza Vanvitelli a Caserta. L’evento è stato organizzato da “Trenta Righe – associazione giornalisti casertani” nell’ambito della quarta edizione del “Festival della Vita” promosso dal Centro culturale San Paolo onlus in collaborazione con la Diocesi di Caserta. Tema di quest’anno “Vivere è… educare: per generare futuro”.

I lavori, moderati da Maria Beatrice Crisci, saranno introdotti da Mariamichela Formisano e Daniela Volpecina per Trenta Righe. Quindi, i saluti di Raffaele Mazzarella del centro culturale San Paolo e di Monsignor Angelo Spinillo, vescovo di Aversa e amministratore apostolico della diocesi di Caserta.

L’incontro vedrà l’intervento del giornalista Rai Massimo Maffei, dell’avvocato Tiziana Barrella, responsabile dell’Osservatorio Giuridico Italiano, e di Giorgio Pace, avvocato della famiglia di Romina Del Gaudio. Nell’occasione sarà presentato il libro “Nove volte donna” della scrittrice Anna Verlezza. L’attrice Roberta Sandias leggerà qualche passaggio del volume. All’incontro saranno presenti alcuni familiari delle donne uccise.

Qual è il modo giusto di raccontare un episodio di cronaca? Fin dove può spingersi un giornalista? E perché una morte violenta fa così tanta audience? Sono alcune delle domande alle quali tenteranno di fornire una risposta, ciascuno secondo il proprio settore di competenza, i relatori del convegno. L’obiettivo è quello di dare un’ampia e articolata riflessione sul confine, sempre più sottile, tra il diritto all’informazione e il rispetto della vita, del dolore e della memoria, ponendo l’accento sulla deriva di certa stampa italiana attraverso la ricostruzione di casi che hanno fatto scalpore.

Trenta Righe è una associazione di giornalisti e operatori dell'informazione attivi sul territorio della provincia di Caserta. Si tratta di una squadra di professionisti e pubblicisti che ha deciso di fare gruppo per promuovere attività sociali e di tutela dei diritti, diffondere fatti e notizie, organizzare eventi. Uno dei temi cari all’associazione è quello della responsabilità e dell’impegno dei media nella trasmissione di notizie e messaggi positivi. Maggiori info sul sito http://www.trentarighe.org/.